News 
i miei  
libri
 
 
Cesare Re    Fotografo e Autore 
 
Libri 
 
 
 
 
Fotografare in Montagna 
Tecniche, consigli, segreti 
 
 
 
 
Il primo manuale, in epoca digitale, di "Fotografia in Montagna", per appassionati ed escursionisti di ogni livello.  
 
 
E’ un libro che racconta il “fotografare in montagna”, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche con considerazioni, elucubrazioni, curiosità ed esperienze personali, maturate in anni di attività professionale, soprattutto in ambito editoriale. Dopo la sezione introduttiva, il libro nella  “Parte 1”, descrive la tecnica fotografica di base, sempre con riferimenti precisi all’ambiente montano. Nella “Parte 2”, la più corposa e peculiare, si parla dei temi che compongono la fotografia di montagna, tra gli altri le luci, il paesaggio, gli animali, gli alberi, i fiori, ecc. Ad ogni tema sono associati numerosi “riquadri tematici”, con argomenti inerenti il capitolo stesso, ma utili anche per altre situazioni fotografiche di interesse generale. Ogni tema è trattato anche in modo da essere indipendente, facendo sì che il lettore possa anche consultare, per esempio, l’argomento “fotografare gli animali”, appena prima di recarsi in montagna per un’apposita sessione fotografica. Il cammino del volume prosegue con la “Parte 3”, un excursus su preparazione, presentazione e comunicazione con le immagini, tramite l’organizzazione di un portfolio e la pubblicazione di un sito o di immagini su un social network. Il libro si rivolge, quindi, sia ai fotografi in erba, sia a utenti più esperti che intendano affinare le proprie capacità, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche da quello più professionale ed emozionale.    
 
Edizioni del Capricorno  
 
 
 
 
 
 
Sentieri in Ossola e Valsesia 
75 itinerari di trekking e trail  
 
 
 
  
 
Sentieri in Ossola e Valsesia    
 
  Il libro propone sentieri e itinerari scelti nelle 
vallate del Sesia e del Toce, per ammirare 
panorami grandiosi, paesaggi dipinti 
nel cielo e riflessi nelle limpide acque 
cristalline di numerosi specchi d’acqua che 
impreziosiscono valli e altipiani. Una guida 
che vi accompagnerà dai boschi ai pascoli, 
dalle giogaie alle morene, dagli alpeggi ai 
rifugi e negli antichi insediamenti Walser, 
ove pietra e legno raccontano la viva storia 
di questo antico popolo. La Valsesia, con 
le sue numerose valli laterali e la “regione” 
alpina della Val d’Ossola danno origine ad un 
territorio piuttosto vasto con vette alpine quali 
il Monte Rosa e il Monte Leone e paesaggi 
molto vari, in zone note, poco conosciute o 
selvagge e nelle splendide aree dei Parchi 
naturali Alta Valsesia, Valle Antrona, Devero — 
Veglia e Val Grande. Un fitto dedalo di sentieri 
si interseca nelle Valsesiane Val Grande del 
Sesia, Val Vogna, Val Sermenza, Val d’Egua, 
Val Sorba, Val Mastallone e nelle Ossolane 
Valle Anzasca, Valle Antrona, Valle Bognanco, 
Val Divedro, Val Cairasca, Val Devero, Valle 
Antigorio — Formazza, Val Vigezzo e Val 
Grande e nelle loro numerosissime laterali, 
superando le barriere geografiche e rendendo 
questi luoghi un unico e straordinario 
ambiente naturale, ove oltre alle vette ci sono  
altre vette ed altre ancora. 
 
 
 
 
 
 
I 50 sentieri più belli della  
Valle d'Aosta 
 
 
 
I 50 Sentieri più belli della Valle d'Aosta    
 
di Stefano Ardito e Cesare Re 
 
Benvenuti ai piedi delle vette più alte delle Alpi. Il Monte Bianco, il Cervino, il Gran Paradiso e il Monte Rosa fanno da sfondo a molti itinerari di questa guida. 
Si può scegliere tra i percorsi verso i rifugi, i panoramici sentieri-balcone e quelli che si avvicinano ai ghiacciai. La Vallée, però, non offre solamente grandi montagne. Altri percorsi consentono di traversare meravigliose foreste, di scoprire colorate fioriture, di avvicinarsi agli stambecchi nel Parco del Gran Paradiso, di affacciarsi su torrenti spumeggianti e romantici laghi alpini. Aquile, camosci e marmotte possono allietare ogni giornata. 
Accanto alla natura compaiono le tracce della storia. Accompagnano l’escursionista sui sentieri monumenti preistorici, strade romane, ospizi e santuari d’alta quota, bunker della Seconda Guerra Mondiale e le mulattiere lastricate di Vittorio Emanuele II. A bassa quota si toccano borghi, chiese affrescate, vigneti e castelli, più in alto le malghe (alcune sono ancora utilizzate) ospitano la vita e la fatica dei montanari. 
 
 
ITER EDIZIONI 
 
 
 
 
di Cesare Re e Michele Dalla Palma, Hoepli Editore 
 
Il primo manuale sull'escursionismo invernale, con itinerari e informazioni su tecnica di progressione, neve, valanghe, sicurezza, orientamento, cartografia, meteorologia e attrezzatura. Tantissimi itinerari su Alpi,Appennini e isole, un lavoro completo ed esaustivo.       
 
 
 
 
 
  
di Cesare Re e Michele Dalla Palma, Hoepli Editore 
 
80 itinerari sulle Alpi e sugli Appennini, con notizie, curuiosità, approfindimenti, schede e tutte le informazioni per vivere la neve in assoluta sicurezza. 
 
 
 
 
 
 
 
Rifugi e Bivacchi delle Alpi Occidentali  
 
 
Escursioni da due giorni in Val d'Aosta, con una meta princiaple, un rifugio o un bivacco, e la possibilità di proseguire, dopo pernottamento, verso altri splendidi luoghi.  
 
Monte Bianco, Monte Rosa, Cervino, Gran Paradiso e Grivola; nessun’altra regione italiana o nazione europea può vantare la meraviglia di queste vette. Giganti di roccia e ghiaccio, dalle forme massicce e imponenti, o snelle ed eleganti, si ergono dai crinali alpini delle sue valli. Se la scalata di queste magiche cime è appannaggio degli alpinisti, numerosi sono i sentieri e i percorsi alla portata degli escursionisti, sia neofiti che esperti. Itinerari di vario genere si snodano alle pendici delle montagne, su docili contrafforti panoramici, o nel fitto dei rigogliosi boschi di larice, luoghi d’osservazione privilegiati che, in ogni stagione, incantano i numerosi gitanti che vivono la natura di queste valli...............
 
 
 
Passo Passo Dolomiti  
 
Escursioni dai passi delle Dolomiti: Passo Gardena, Campolongo, Sella Pordoi, Sella, Fedaia, Falzarego, Giau, Costalunga, Valles, Rolle, Erbe, Staulanza, Cibiana, Duràn, Cereda, Tre Croci, Campo Carlo Magno e altri passi.   
 
 
“ Tra tutte le regioni alpine più altamente ammirate e più largamente frequentate, sta in primissimo rango il regno fatato delle Dolomiti, questo “unicum” nelle Alpi, che la stessa Svizzera ha ragione di invidiarci: delle Dolomiti, con le loro bellezze bizzarre e pur profondamente incantatrici, con le loro crode, rapidissimamente levantisi e avvampanti in quasi tutti i colori, con le loro vaste distese ondulate di pascoli, placidamente inalzantisi fino a gioghi che offrono sui monti e sulle valli panorami così vasti quali in altre regioni delle Alpi si possono contemplare soltanto da un’alta cima !”. La descrizione dell’alpinista Grohmann ne “il Rivelatore delle Dolomiti” è efficace nell’introdurre l’ambiente naturale dei monti pallidi...................
 
 
 
Sua Maestà il Rosa 
 
“Il Monte Rosa è il re. Nessun massiccio alpino l’eguaglia nella grandiosità della mole e nella varietà delle cime; nessuno, con le sue distese nevose, lancia una nota più smagliante nel pallido azzurro del cielo italiano”. Le parole di Luigi Ravelli nella “Guida della Valsesia e del Monte Rosa” descrivono le principali caratteristiche estetiche della seconda vetta d’Europa per altezza, prima, però, per estensione, con i suoi ghiacciai e le sue vette.  
 
Escursioni ed ascensioni nelle valli del Monte Rosa: Valle Anzasca, Valsesia, Valle del Lys, Val d'Ayas, Valtournenche, Valle di Saas e Valle di Zermatt, I Grandi Trekking del Monte Rosa.
 
 
 
Camminare in Ossola 
 
Escursioni in Val d'Ossola: Valle Anzasca, Valle Antrona, Val Bognanco, Alpe Devero, Alpe Veglia, Val Formazza e Antigorio, Val Vigezzo, Parco Nazionale Val Grande, I lunghi trekkinf dell'Ossola.  
 
 
 
I Sentieri delle Piode 
 
Le escursioni della guida riguardano le zone a ridosso del Bernina e del Badile o, comunque, luoghi panoramici e limitrofi a queste cime. Il territorio è stato suddiviso in quattro parti: Valmalenco, Alta Engadina, Val Masino e Val Bregaglia, al cospetto delle grandi montagna, tra Svizzera e Italia: Bernina, Roseg,  Badile, Cengalo, Disgrazia, Scalino, Julier.........
 
 
 
Dolomiti del Brenta 
 
“ Mentre indugiavamo, la bruma del mattino si scioglieva e uno stuolo di pinnacoli selvaggi ci squadrava dall’alto, sopraffatti essi stessi da una torre gigantesca che appariva indistinta sopra di loro. Stavamo entrando in uno scenario strano e nello stesso tempo eccitante. Le forme consuete del paesaggio alpino erano mutate; come per subitaneo incantesimo ci trovammo fra boschi più ricchi, torrenti più puri e picchi più fantastici…  Il prato sul quale ci trovammo era proprio al centro di tanta bellezza. Imponente di fronte a noi si ergeva una roccia colossale, uno dei più prodigiosi monumenti delle forze della Natura”.  
 
La frase di D. W. Freshfield, tratta da “Italian Alps”, descrive l’ambiente delle Dolomiti del Brenta, con le numerose vette rocciose, i boschi rigogliosi e l’abbondanza d’acqua delle sue spumeggianti cascate. Escursioni ed ascensioni in: Dolomiti del Brenta, Parco Adamello Brenta, Lago di Tovel, Madonna di Campiglio, Pinzolo, Andalo, Molveno, Adamello e Presanella
 
 
 
Il Parco di Paneveggio Pale di San Martino 
 
“Coperti di neve alta, sono situati tutt’attorno valli e monti, nella magnificenza invernale. Dalla ripida “Busa dell’Oro” nella Val Travignolo, la quale nella parte bassa è coperta da fitti boschi e sopra è percorsa dal fronte austriaco, si vede, situato sopra una valle altrimenti silenziosa, il Passo Rolle. Oltre l’altura del passo sporgono i 3.185 metri del poderoso massiccio roccioso del Cimon della Pala, il più sporgente e svettante del gruppo delle Pale di San Martino, verticale nel blu scuro dei cieli del sud. Sulle pareti verticali di crepacci selvaggi riposa un ultimo raggio di sole del giorno che lentamente svanisce. Magicamente risplende la torre di roccia ancora irradiata di luce rossastra...”.  
 
La descrizione del Passo Rolle, dal diario del 1916 del soldato Austriaco Dolf Nickel, rende perfettamente l’idea dello spettacolo delle Pale di San Martino, soprattutto il tramonto sulla “torre di roccia”, sicuramente il Cimon della Pala (3184  m), celeberrima vetta................
 
 
 
Ciaspolare in Valle d'Aosta 
 
Escursioni con le racchette da neve nelle valli: Lys, Ayas, Valtournenche, Saint Barthélemy, Valpelline, Gran San Bernardo, Ferret, La Thuile, Valgrisenche, Rhemes, Valsavarenche, Cogne, Champorcher, Centrale
 
 
In Valsesia, Ossola, Centovalli, Sempione 
 
La Valsesia, con le sue numerose valli laterali, la “regione” della Val d’Ossola, il Parco Nazionale della Val Grande, le Centovalli, la Valle Strona e il Passo del Sempione danno origine ad un territorio piuttosto vasto che annovera tra le sue file vette alpine e paesaggi molto vari: Il Monte Rosa, L'Alpe Veglia, L'Alpe Devero, la selvaggia Valle Antrona, la severa Val Formazza, la pittoresca Val Vigezzo e tutta la magia della Valsesia..............
 
 
 
Camminare nelle Dolomiti  
Val Gardena e Alpe di Siusi 
 
Un ambiente unico, con scenari di incomparabile bellezza. Ondulate distese di prati fioriti, dalle quali sorgono, come cattedrali naturali, imponenti montagne, agili guglie rocciose e pinnacoli dalle forme inconsuete e straordinarie. La Val Gardena è un mondo, un luogo magico, ricco di cultura e tradizioni, di arte e di leggenda e di attrattive naturali che hanno reso questi luoghi e queste montagne famose in tutto il mondo.  
 
Gite ed escursioni nei gruppo di Sella, Sassolungo, Odle, Stevia, Sciliar, Denti di Terrarossa, Alpe di Siusi e Parco Puez Odle 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Montagna per tutti 
 
Escursioni sulle Alpi dal Piemonte al Friuli, passando per Val d'Aosta, Lombardia, Alto Adige, Trentino e Veneto. 
 
Partecipazione con testi e foto 
 
 
 
Touring Editore
 
 
 
 
 
Parchi di Lombardia 
 
Libro fotografico illustrato di grande formato  (cm 32 per 24 cm) su parchi ed aree protette della regione Lombardia.  Partecipazione con immagini sul Parco del Ticino.  
 
 
 
Seesab Editrice  
 
 
Partecipazione con foto 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Cesare Re 
Fotografo e Autore 
www.recesare.com 
www.fotopercorsi.com 
www.trekking.it/blog/fotografare 
333/93.59.262 
recesar@libero.it