Il Monte rosa disegna

di cesare re

La Est del Rosa, con i “disegni” sulla neve in primo piano. Nikon D810; Nikkor 24-70 2,8 afg; iso 100; diaframma chiuso a f 16 per avere elevata profondità di campo. 1/250 di secondo. Misurazione Matrix. Focale a 24 mm.

A volte, il Monte Rosa disegna 

Sono tante le texture, nella fotografia di natura. Fotografare una texture significa scattare un’immagine, evidenziando la materia di cui sono fatte le cose. Classici esempi sono i rilievi di una corteccia, la tridimensionalità di una roccia o le crepe di un terreno in stato di siccità. Esistono anche le forme della neve, le texture di questa massa bianca, così effimere, da essere sempre diverse e continuamente mutevoli a seconda delle precipitazioni, della temperatura e del vento che concorrono a dipingere questa tela naturale. Ed è proprio il vento che carezza la coltre bianca a divenire elemento fondamentale di questi scatti, in una delle numerose giornate passate ai piedi del Monto Rosa, nei pressi del rifugio Zamboni – Zappa, in Valle Anzasca, sopra il pittoresco villaggio Walser di Macugnaga. Sto realizzando uno dei capitoli che saranno stampati nel mio libro “Fotografia di Montagna”, edizioni del Capricorno (ne ho parlato anche qui). Nelle sue pagine, però, parlerò di altro, soprattutto dell’interpretazione di un luogo ben conosciuto. In questo post, invece, vi mostro una serie di immagini che raccontano le “forme della neve”. La foto di apertura, con il Monte Rosa descrive l’ambiente e la zona, è molto diversa da quelle che seguono che sono, invece, rappresentative di particolari, con sezioni di paesaggio che vengono estrapolate da un contesto generale, eleggendole ad immagini singole. A volte basta uno sguardo attendo, ma soprattutto uno “sguardo lento”, fermandosi dall’escursione, dedicando il tempo necessario per osservare il paesaggio, come se stessimo leggendo la neve, una superficie che diventa una sorta di tavolozza dove il Monte Rosa disegna forme astratte, linee nette, rilievi sinuosi che diventano quadri della natura.

Immagini scattate con Nikon D800 e Nikkor 24-70 2,8 AFG e Nikkor 70-200 4 AFG

 

 

  

 

Guarda i miei ultimi articoli

Dolomiti Invisible Light

Dolomiti Invisible Light

dolomiti invisible lightdi cesare re Il Sassolungo, incoronato da una coltre di nubi, apre questa sfilata di immagini in bianco e nero infrarosso, una serie di foto cercata con impegno e criterio, sia compositivo, sia tecnico. Nikon D7000; Nikkor 70-200, f 4. La serie...

leggi tutto
Share This