soldanella in luce e ombra

di cesare re

Soldanella, nel sottobosco. Nikon D810; Micro Nikkor 105 2,8 AFD. Treppiede. f8; 1/160; iso 64, misurazione spot sul fiore.

La Soldanella, in un insieme di luce e ombra. 

Lo dico sempre: mi piace l’insieme di luce e ombra. Le mie foto sono spesso caratterizzate da ombre scure, a volte illeggibili. Questo ragionamento vale soprattutto per i paesaggi, ma anche per altri generi fotografici, come la macro fotografia, per l’appunto. Mi trovavo nei pressi del Passo Pordoi, per scattare alcune foto per il mio libro “Dolomiti delle Meraviglie”, lungo l’itinerario del Viel del Pan che avevo percorso partendo dal Passo Fedaia, per poi scendere al Passo Pordoi, in un bellissimo ambiente dolomitico, tra Sella e Marmolada, ma anche con vista spettacolare su Civetta e Sassolungo. Nei pressi del Pordoi, in discesa verso Canazei, ci sono bellissimi angoli di bosco, luoghi spesso sottovalutati, perchè solo di passaggio. Il sottobosco è punteggiato di fiori, complice l’inizio stagione e un giugno con una presenza di neve ancora notevole. Spuntano così i primi fiori. In alcuni punti si vedono ancora i Crocus, in altri le Pulsatille e anche le Soldanelle, tutte specie che fanno capolino tra i prati ancora umidi e bagnati dal disgelo. A lato del sentiero, in un angolo di bosco fitto, brillano alcuni gruppi di soldanelle. Mi colpisce soprattutto questo gruppo, perchè si trova in “un’isola di luce” che spunta tra le fronde degli abeti e dei larici. Molto velocemente estraggo il treppiede dallo zaino. Ho fretta, perchè c’è un continuo alternarsi di luce e ombra e l’illuminazione sui fiori potrebbe cambiare da un momento all’altro. Misuro la luce in spot, sottoesponendo, rispetto al valore indicato dall’esposimetro, in modo da accentuare la differenza tra luce o ombra, scurendo, quindi, lo sfondo che risulta nero, quasi senza dettaglio. Scelgo iso bassissimo, per eliminare il rumore digitale e un diaframma intermedio, senza cercare la massima profondità di campo (ho parlato qui, della profondità di campo); anzi voglio ottenere un effetto soffuso, son lo sfondo poco delineato.   

 

Guarda i miei ultimi articoli

Mutevolezza estetica

Mutevolezza estetica

mutevolezza esteticadi cesare reScatto singolo, in una sera di settembre, con i colori del tramonto e una luna intesa e lumonsa. La mutevolezza estetica della Cima della Rosetta, nelle Pale di San Martino  Elucubrazione estetica: si lo so. L'ho detto tante volte,...

leggi tutto
La Materia del Cervino

La Materia del Cervino

la materia del cervinodi cesare reLa luce dell'infrarosso rende vivida la roccia, la materia del Cervino. La texture della montagna è ben visibile anche alla bassa risoluzione del web. Provate a immaginarla in altra risoluzione, oppure stampata? L'effetto sarebbe...

leggi tutto
Share This